Pubblicato il Lascia un commento

Le 10 domande più strane sull’auto elettrica

Cosa succede se porto l’auto elettrica all’autolavaggio?

Posso effettuare la ricarica presso stazioni di ricarica pubbliche quando piove?

Sono necessari pneumatici speciali per l’auto elettrica?

Se ci pensiamo sembra che sia tutto chiaro e non siano necessarie domande sull’elettromobilità. 

Ma poi vengono i dubbi. 

Per evitare che ciò accada, ecco le risposte alle dieci domande più insolite che abbiamo ricevuto in Audi Grand Prix sulle auto elettriche.

1. Posso portare le auto elettrica all’autolavaggio?

Questa domanda è una delle più frequenti da parte dei nostri clienti che intendo approcciare la mobilità elettrica.

Il dubbio è legittimo. 

Tutto sommato ci hanno insegnato che bisogna sempre stare attenti ad avvicinare elettricità e acqua.

Ma portare un’auto elettrica all’autolavaggio non è come buttare un tostapane nella vasca da bagno. 

L’elettronica e la batteria sono ben protette dalle infiltrazioni di umidità nelle auto elettriche. 

Quindi puoi tranquillamente lasciar perdere il lavaggio a secco o la spugna bagnata e andare all’autolavaggio più vicino.

2. Si esaurisce la batteria dell’auto elettrica prima o poi?

Mentre molte batterie di telefoni cellulari dopo pochi anni cominciano a dare problemi, la batteria di un’auto elettrica inizia a dare segni di cedimento molto più tardi. 

Dato che le batterie usate dai costruttori sono tutte diverse, la domanda sulla durata della batteria di un’auto elettrica non può avere un’unica risposta. 

Molti costruttori indicano nella garanzia di acquisto dopo quanti anni oppure dopo quanti chilometri di percorrenza la capacità di carica della batteria è almeno ancora del 70%. 

La buona notizia per il tuo conto in banca è che se la batteria dovesse davvero dare segni di cedimento, puoi semplicemente far sostituire alcune celle presso l’officina specializzata. 

3. Posso ricaricare un’auto elettrica quando piove?

Con vento forza 10 e pioggia battente sarebbe meglio stare a casa anziché andare alla stazione di ricarica.

Ma non si può sempre scegliere, giusto? 

La buona notizia è che puoi ricaricare l’auto elettrica in tutta tranquillità anche se piove senza pietà. 

Nelle auto elettriche, i raccordi di ricarica sono progettati in modo che la corrente elettrica scorre solo se il contatto fra connettore e veicolo è ben chiuso ed è impossibile l’infiltrazione di acqua nel collegamento. 

L’unica accortezza che bisogna avere è quella di non far bagnare l’interno del connettore. Anche se ciò dovesse avvenire non c’è alcuna possibilità di prendere la scossa. 

Nel caso in cui il connettore sia bagnato l’unica cosa che accade è che non si avvia la ricarica, in quanto il sistema di protezione della vettura impedisce il passaggio di corrente..

4. E se…la colpisse un fulmine?

Si…i più curiosi, ci hanno chiesto anche questo

L’auto elettrica non attira i fulmini più di quanto facciano le auto a benzina o diesel. 

Come su qualsiasi auto chiusa, anche quando sei a bordo di un’auto elettrica la gabbia di Faraday ti protegge dalla scarica di un fulmine.

5. Sono necessari pneumatici speciali per l’auto elettrica?

La risposta è

Se gli pneumatici soddisfano le specifiche dell’auto (dimensioni, indice di carico ecc.), in teoria ne puoi montare di qualsiasi tipo. 

Tuttavia gli pneumatici specifici per auto elettriche spesso sono caratterizzati da una resistenza al rotolamento ottimizzata. 

Questo perché una minore resistenza al rotolamento comporta una maggiore efficienza energetica dell’auto durante la marcia e quindi una maggiore autonomia con una carica della batteria. 

6. Come si attaccano i cavetti su un’auto elettrica?

Per farla breve, non si attaccano; almeno per quanto riguarda la grande batteria principale.

Invece alla batteria di avviamento a 12 volt, montata sia sulle auto elettriche sia su quelle con motore a combustione, li puoi collegare senza problemi.

In ogni caso la possibilità che la batteria piccola si scarichi è davvero remota.

7.  Un’auto elettrica può “suonare” come un’auto sportiva?

Con una buona dose di sound design forse si riuscirebbe a imitare il caratteristico ruggito di un’auto sportiva con motore a combustione, proprio come accade sulla nuova Audi e-tron RS GT.

Ma fare in modo che un motore elettrico abbia la stessa voce di un motore a combustione non rientra fra gli scopi dichiarati dell’elettromobilità. 

La bassa rumorosità è una delle caratteristiche peculiari delle auto elettriche e a lungo termine contribuirà a ridurre l’inquinamento acustico soprattutto nei centri cittadini.

8. Ma come faccio con la ricarica, dove sono le colonnine?

Per la maggior parte dei proprietari di auto elettriche, la strada fino alla stazione di ricarica più vicina si ferma alla porta di casa, dato che molti ricaricano l’auto presso la propria abitazione. 

Per tutti gli altri, in Italia ci sono complessivamente circa 23.000 colonnine di ricarica (aggiornamento: settembre 2021) e il numero è in costante crescita. 

Per chi di voi si trovasse a Ferrara presso il nostro Salone Audi sono presenti ben 4 colonnine di ricarica tutte per voi 🙂

9. Le auto elettriche possono trainare una roulotte?

È difficile che un’auto elettrica riesca a trainare il peso di una roulotte senza che la batteria si scarichi rapidamente. 

Se desideri andare in vacanza trainando una roulotte con la tua auto elettrica, devi armarti di santa pazienza.

Infatti ci vorrà ancora un po’ di tempo prima che vengano prodotte in serie roulotte con assi semoventi elettrici. 

10. La velocità influisce sul consumo di energia?

Sì: maggiore è la velocità, più rapidamente si scarica la batteria. 

La resistenza aerodinamica aumenta esponenzialmente con l’aumentare della velocità.

Di conseguenza aumenta il fabbisogno di energia di trazione.

Marciando fino a 130 km/h trovi un buon compromesso fra velocità e autonomia.

In questo modo ti assicuri una lunga percorrenza in autostrada.

In città devi frenare più spesso, per fortuna! 

Perché il traffico stop-and-go è una manna dal cielo? 

Perché a ogni frenata viene recuperata energia, che torna direttamente nella batteria.

Ecco concluse le nostre 10 risposte alle domande più insolite sulla mobilità elettrica, soddisfatto?

Ne hai Altre? Scrivici nei commenti e saremo lieti di rispondere a tutte le tue curiosità in tema di mobilità elettrica! 

Pubblicato il Lascia un commento

Audi Q4 e-tron. Il cliclo di vita sostenibile al 100%

Audi Q4 e-tron non solo si guida a impatto zero, ma deve anche essere consegnata al cliente, con zero emissioni di CO₂¹.

Scopriamo insieme Audi Q4 e-tron per tutto il suo ciclo di vita: le misure adottate dall’azienda per rendere questo modello Audi 100% elettrico il più sostenibile possibile.

Audi Q4 e-tron

Utilizzando l’esempio di Audi Q4 e-tron è possibile distinguere quattro fasi:

1. Catena di fornitura, 2. Produzione del veicolo, 3. Fase di utilizzo, 4. Recupero

Già all’inizio del ciclo di vita, Audi pone particolare attenzione alla sostenibilità.

Per questo motivo, l’impresa sta già adottando misure diverse nella catena di fornitura e nella produzione.

Un esempio è l’utilizzo di energia elettrica rinnovabile nello stabilimento di produzione di Zwickau.

Qui, una parte della corrente necessaria è prodotta in una propria centrale termoelettrica a blocco alimentata con gas naturale. Tuttavia, l’intero approvvigionamento esterno aggiuntivo deriva al 100% da corrente naturale.

Da questo momento inizia un’altra fase centrale del ciclo di vita: l’utilizzo del veicolo.

In quanto veicolo esclusivamente elettrico, durante la guida, Audi Q4 e-tron non produce emissioni di CO₂ a livello locale. Inoltre, grazie alla ricarica regolare con corrente green, il cliente può contribuire in modo determinante a migliorare notevolmente il bilancio di CO₂ del proprio veicolo in fase di utilizzo rispetto al mix di energia elettrica medio.

Infatti, oltre alla corrente prodotta da fonti rinnovabili, questo è costituito anche da corrente prodotta da fonti non rinnovabili.

Quando poi Audi Q4 e-tron raggiunge la fine della sua vita utile, ciò non coincide affatto con la fine dell’impegno per la sostenibilità.

In molti casi, in particolare per la batteria, è possibile trovare una seconda possibilità di utilizzo.

Catena di fornitura Audi Q4 e-tron

Audi pone grande attenzione al monitoraggio completo della catena di creazione del valore a monte.

Audi collabora esclusivamente con partner che dimostrano di condividere i valori dell’azienda.

La produzione di batterie ad alte prestazioni richiede grandi quantità di energia. Per questo motivo, la catena di fornitura rappresenta quasi la metà dell’energia totale necessaria per la produzione di veicoli elettrici (circa il 46%).

Già nel 2018 l’azienda lancia il programma CO₂ con l’obiettivo di decarbonizzare tutta la catena di fornitura, ed insieme ai fornitori, identifica le misure per ridurre le emissioni.

In questo modo, è utilizzata esclusivamente corrente green certificata.

Produzione del veicolo Audi Q4 e-tron

Audi Q4 e-tron è realizzata nello stabilimento Volkswagen di Zwickau in Sassonia.

Lo stabilimento è estremamente moderno ed è ulteriormente ottimizzato per ridurre ancora di più l’ impatto sull’ambiente.

Il sito viene alimentato in parte con corrente naturale Volkswagen da Volkswagen Kraftwerk GmbH, un’energia elettrica rinnovabile la cui produzione e provenienza sono certificate TÜV.

La corrente proviene principalmente da centrali idroelettriche, ma anche da parchi eolici e solari in Germania o in paesi confinanti.

L’altra parte è prodotta a Zwickau in una propria centrale termoelettrica a blocco alimentata con gas naturale.

A Zwickau Audi ha creato dei moderni capannoni industriali secondo l’ultima normativa sul risparmio energetico, tecnicamente in grado di regolare automaticamente il consumo di energia elettrica, acqua e calore in base alle esigenze.

Anche l’utilizzo del gas naturale, è ridotto con misure tecniche, ad esempio nel reparto di verniciatura.

Questa figura con dei simboli mostra la consegna del veicolo a un cliente da parte della fabbrica.
Il cliente riceve un veicolo a emissioni zero di CO₂¹ dalla fabbrica.

La consegna al cliente in concessionaria (UE/USA)

Le misure già descritte nella produzione e nei fornitori di celle comportano una riduzione dell’impronta di CO₂ di Audi Q4 e-tron nella catena di fornitura e nella produzione del veicolo.

In questo momento, le inevitabili emissioni di CO₂, che si verificano nonostante le misure di riduzione già attuate, vengono compensate con progetti di protezione del clima.

Tali compensazioni sono certificate in base a standard internazionali quali “Verified Carbon Standard” (VCS) e “Climate, Community and Biodiversity Standard” (CCB) o “Gold Standard”.

In questo modo, è possibile garantire che al momento della consegna delle chiavi presso il concessionario, il cliente riceva un veicolo realizzato/prodotto a emissioni zero di CO₂ in termini di bilancio 1.

Fase di utilizzo di Audi Q4 e-tron

Una volta che Audi Q4 e-tron è nelle tue mani, non solo quest’ultimo potrai vivere un’affascinante esperienza di guida, ma avrai anche l’opportunità di utilizzare il veicolo quasi senza emissioni.

Il presupposto è che la batteria venga ricaricata con corrente generata da fonti rinnovabili, poiché l’elettromobilità è green solo in cui lo è l’energia elettrica impiegata.

Grazie ai numerosi partner di IONITY, Audi crea una rete di ricarica rapida su strade e autostrade di 25 paesi europei.

Lungo queste principali reti stradali, nel prossimo futuro saranno disponibili 400 parchi di ricarica ultra-veloci (attualmente oltre 340), che offrono anche il 100% di energia elettrica rinnovabile.

Un'infografica mostra le possibilità di ricarica da fonti di energia rinnovabili.
Requisito per un utilizzo del veicolo a emissioni quasi zero: il cliente carica energia elettrica da fonti rinnovabili in azienda e in viaggio.

Recupero

Una volta che l’Audi Q4 e-tron ha raggiunto la fine della fase di utilizzo, le celle della batteria non sono del tutto inutilizzabili, ma possono ancora presentare una percentuale elevata delle loro prestazioni originali.

Per questo motivo, anche dopo lo smontaggio del veicolo, le celle della batteria di Audi Q4 e-tron possono essere utilizzate per lo scopo per il quale sono state costruite, per immagazzinare l’energia elettrica.

Audi, con il gruppo energetico EnBW, mette a disposizione accumulatori fissi, dove le batterie per veicoli elettrici usate vengono riutilizzate come “batterie Second Life”.

Ad esempio, possono essere utilizzate come accumulatori temporanei, in modo che in futuro, in caso di un eccesso temporaneo di produzione di energia elettrica, le torri eoliche e gli impianti fotovoltaici vengano scollegate dalla rete.

Inoltre, gli accumulatori Second Life possono fornire l’energia necessaria per un’infrastruttura di ricarica rapida indipendentemente dalle capacità della rete elettrica locale, ad esempio per eventi.

Questa illustrazione mostra il processo di riciclaggio delle batterie.
È possibile riciclare la gran parte delle preziose materie prime presenti nelle batterie agli ioni di litio e lavorarla per creare nuove batterie.

Solo quando le batterie non saranno più in grado di svolgere questo compito, verranno smontate in singole materie prime secondo moderni concetti di riciclaggio, per poi essere riutilizzate in batterie nuove.

Gli attuali processi di riciclaggio consentono di ottenere un tasso di riciclaggio pari a circa il 70% delle materie prime contenute quali cobalto, litio, nichel, alluminio, manganese e grafite.

Nel lungo periodo, dovrebbe persino essere possibile raggiungere una quota del 97%.

Illustrazioni: Fee Fischer

Scoprite Audi Q4 e-tron 100% elettrica

La sostenibilità è solo un aspetto che rende Audi Q4 e-tron così interessante. Scoprirete ora il nuovo SUV compatto Audi a trazione 100% elettrica.

Pubblicato il Lascia un commento

Padel x Cupra

Il Padel è uno dei pilastri del mondo CUPRA.


Padel x Cupra: Con oltre 1 milione di appassionati in tutta Italia, è lo sport più in voga del momento, grazie anche alla grande diffusione fra ex calciatori, sportivi e atleti provenienti da diverse discipline.


GRAND PRIX in qualità di CUPRA GARAGE parteciperà al primo torneo ufficiale CUPRA Padel Tour con partner la Gazzetta dello Sport. Il torneo consisterà in un circuito di 48 tappe che si svolgerà nei weekend tra il 4/5 settembre e il 16/17 ottobre, le gare in programma ad ogni tappa sono 2: doppio Maschile e doppio Femminile e sono coinvolti 39 CUPRA Garage e 48 centri Padel.


 A conclusione è prevista una finale nazionale che si svolgerà a Roma presso l’Hotel Villa Pamphili dal 29 al 31 ottobre. Ma la finale sarà un evento di vero sport ed intrattenimento, coinvolgendo per l’occasione anche gli Ambassador CUPRA (F. Belasteguin, P. Lima e A. Tapia, F. Cingotto e J. Tello) oltre a sportivi italiani e personaggi dello spettacolo, oggi amanti e giocatori del Padel.


Noi di CUPRA Grand Prix saremo presenti con i nostri centri CUPRA Padel e le nostre auto a:
Bologna il 11-12 settembre Cupra Padel Junior Club Rastignano
Modena 18-19 settembre alla Cupra Padel Arena Modena Set Point  

Al seguente link tutte le informazioni sul torneo: https://www.cupraofficial.it/cupraxpadel.html#mappa

Prova il brivido di Cupra Formentor

Provala su strada.

Vieni nei nostri CUPRA GARAGE di Bologna e Modena e RICHIEDI UN TEST DRIVE

o

Lascia i tuoi dati al seguente link: https://www.grandprix.it/cupra-formentor-pronta-consegna/

Pubblicato il Lascia un commento

Audi e Confindustria Vantaggi

Audi E confindustria

Scopri i vantaggi delle Formule di Leasing e di Noleggio definite dalla rinnovata partnership con Confindustria.

Audi E confindustria
Innovare è il nostro modo di creare la mobilità del futuro.

La visione condivisa da Audi e Confindustria di un’innovazione culturale capace di creare valore per la società e le prossime generazioni,

ha portato al rinnovamento di questa partnership e alla creazione di formule di leasing e noleggio dedicate.

Formula Leasing Finanziario + pacchetto manutenzione*

Con questa formula potrai acquistare la tua Audi con un tasso di interesse esclusivo del 1,49%.

Un TAN competitivo in quanto inferiore sia ai tassi di mercato, che permette di offrire una rata media mensile più bassa.

* offerta riservata ai modelli elencati più sotto, non cumulabile con altri sconti retail, alle aziende iscritte a Confindustria.

Formula Noleggio **

Con la Formula Noleggio abbiamo riservato agli associati uno sconto aggiuntivo, di 35 € sul canone mensile, indipendentemente dalla combinazione percorrenza o durata scelta dal Cliente.

Offerta Service:

* Piano Manutenzione (nella combinazione 36 mesi/45.000 km): la manutenzione prepagata che garantisce la qualità del servizio Audi ad un prezzo fisso e sicuro.

** offerta riservata ai modelli elencati più sotto, non cumulabile con altri sconti retail, alle aziende iscritte a Confindustria. Il processo di acquisto deve essere finalizzato in concessionaria o tramite VWFS con i rispettivi tempi di fornitura.

Modelli

  • Audi A3 Sportback
  • Audi A3 Sportback TFSI e
  • Audi A3 Sportback g-tron
  • Audi A4
  • Audi A4 Avant
  • Audi A4 Avant g-tron
  • Audi A4 allroad quattro
  • Audi A5 Coupé
  • Audi A5 Sportback
  • Audi A5 Sportback g-tron
  • Audi A6
  • Audi A6 TFSI e
  • Audi A6 Avant
  • Audi A6 Avant TFSI e
  • Audi A6 allroad quattro
  • Audi A7 Sportback
  • Audi A7 Sportback TFSI e
  • Audi A8 TFSI e
  • Audi A8
  • Audi A8 L
  • Audi A8 L TFSI e
  • Audi Q2
  • Audi Q3 TFSI e
  • Audi Q3 Sportback TFSI e
  • Audi Q5
  • Audi Q5 TFSI e
  • Audi Q5 Sportback
  • Audi Q5 Sportback TFSI e
  • Audi Q7
  • Audi Q7 TFSI e
  • Audi Q8
  • Audi Q8 TFSI e
  • Audi e-tron
  • Audi e-tron Sportback
Per ulteriori informazioni contattaci ora cliccando qui

È disponibile anche un numero dedicato:

https://myaudi.it/it/audi-e-confindustria/audi-e-confindustria-vantaggi/

Pubblicato il Lascia un commento

Audi Grandsphere. Prima classe verso il futuro.

Il concept studio Audi Grandsphere. Un jet privato per la strada.

Come un volo di prima classe, la berlina Audi Grandsphere combina il lusso del viaggio privato con il massimo del comfort a bordo. 

La guida automatizzata di livello 4 rende possibili nuove dimensioni di libertà: in questa modalità, l’interno si trasforma in una spaziosa sfera di esperienza senza volante, pedali o display. 

I sedili anteriori diventano una lounge di prima classe con il massimo spazio, le viste sono più libere e è possibile l’accesso a tutte le funzioni di un ecosistema digitale olistico di cui è integrata la grandsphere Audi.

Audi grandsphere concept car

Come seconda delle tre concept car “a sfera” del marchio con i quattro anelli, l’Audi grandsphere ha un posto speciale. 

Questo perché le tecnologie e le caratteristiche di design assemblate in essa riappariranno entro pochi anni nelle future serie Audi. 

Il concept Audi grandsphere illustra l’affermazione del marchio che sta diventando il trendsetter ai vertici dell’industria automobilistica per la trasformazione tecnologica e le offerte di mobilità olistiche completamente nuove.

Il concept della roadster Audi Skysphere a trazione elettrica ha debuttato nell’agosto 2021: era una visione spettacolare di una GT a guida automatica che si trasformava in un’auto sportiva a guida autonoma con passo variabile. 

Queste due concept car – così come l’Audi Urbansphere, che apparirà come la terza parte del trio nel 2022 – sono collegate dal loro concept generale, che deriva dalla loro capacità di guidare autonomamente al livello 4.

Audi sta lavorando con CARIAD , il think tank software del Gruppo Volkswagen, verso l’introduzione di tale tecnologia nella seconda metà del decennio.

Guida Autonoma di Livello 4 con Audi Grandsphere

Livello 4: non solo trasforma lo spazio interno in un ampio salone non appena il volante e i pedali scopaiono.

Allo stesso tempo, apre nuovi livelli di libertà per tutti i passeggeri. 

Questo perché Audi Grandsphere non solo libera il conducente dai compiti di guida quando possibile, ma offre anche a tutti a bordo una vasta gamma di opzioni per utilizzare quella libertà per esperienze variabili individualmente.

Il concept Audi Grandsphere si trasforma dall’essere strettamente un’automobile in un “dispositivo di esperienza”.

Grazie ai servizi di Audi e alla capacità di integrare i servizi digitali, le possibilità sono quasi infinite.

Il concept Audi Grandsphere illustra l’affermazione del marchio che definisce il lusso progressivo del futuro: per Audi, ciò include l’opzione di nuove esperienze di alta classe, abilitate dalla digitalizzazione, nonché un approccio olistico alla sostenibilità con l’obiettivo della neutralità del carbonio nel prossimo futuro.

Audi grandsphere esterni

Prima classe

Audi skysphere, Audi grandsphere e Audi urbansphere sono le tre concept car che il marchio con i quattro anelli utilizza per mostrare la sua visione del lusso progressivo. 

Nel processo, Audi sta creando un’esperienza di veicolo che va ben oltre lo scopo di passare semplicemente del tempo in un’auto per andare dal punto A al punto B, e anche molto oltre l’esperienza di guida stessa.

Queste concept car presentano un nuovo design che alla fine reinventa l’interno, l’abitacolo, come il centro del veicolo e non subordina più l’esperienza dei passeggeri ai requisiti della tecnologia. 

Ciò si riflette nella disposizione variabile degli interni, nella scomparsa dei comandi e nell’ampiezza dell’abitacolo, oltre a collegarli a nuove offerte di servizi.

Audi grandsphere portiere

Il processo di progettazione – dall’interno verso l’esterno

Anche la “sphere” (sfera) nel nome trasmette un segnale: il cuore delle concept car Audi skysphere, grandsphere e urbansphere è sempre l’interno. 

Il sistema di guida e la maneggevolezza non sono più al top delle specifiche di progettazione in questa nuova generazione di vetture. 

Il punto di partenza è invece l’interno, la sfera di vita e di esperienza degli occupanti durante il viaggio. I loro bisogni e desideri modellano lo spazio, l’architettura e le funzioni. 

nuovo concept audi
Interior

Nessun raccordo, nessuno schermo: display e funzionamento

Una sorpresa quando ci si guarda intorno negli interni dal design ridotto e dai colori naturali di Audi grandsphere: né le batterie degli strumenti a quadrante né gli schermi neri per i concetti di visualizzazione virtuale sono visibili prima dell’attivazione delle funzioni di guida: la più citata disintossicazione digitale al suo meglio.

Ci sono invece aree chiaramente articolate e tranquille con materiali di altissima qualità. 

Legno e lana, tessuti sintetici e metallo sono visibili e piacevoli al tatto come rivestimento di pareti, rivestimenti di sedili e moquette. 

Molti di questi materiali, come le impiallacciature di carpino, provengono da coltivazioni sostenibili o sono realizzati con materie prime riciclate. Non c’è pelle nella grandsphere Audi, anche questo è in linea con una visione progressiva del lusso, che è sempre inseparabile dalla sostenibilità.

grandsphere concept

Monolite dinamico: il design esterno di Audi Grandsphere

Con 5,35 m di lunghezza, 2 m di larghezza e 1,39 m di altezza, le misurazioni del concept Audi grandsphere rivelano che questa berlina è un esempio inequivocabile dell’automobile di classe.

Il passo di 3,19 m indica il valore più alto, che mette in ombra anche la versione lunga dell’attuale Audi A8. 

Ma ancora più sorprendente di ciò che suggeriscono queste figure è l’impressione visiva che fa quando lo vede per la prima volta. Questo perché l’Audi grandsphere non assomiglia per niente a una berlina tradizionale, ma piuttosto a una GT a quattro porte strettamente disegnata con una linea che arriva direttamente dalla galleria del vento. 

E lo fa senza svolazzi superflui.

grandsphere ricarica

Sistema di guida e ricarica

La piattaforma tecnologica dell’Audi grandsphere, nota come Premium Platform Electric, o PPE, è stata concepita esclusivamente per i sistemi di azionamento elettrici alimentati a batteria e quindi sfrutta appieno tale tecnologia. 

L’elemento chiave del DPI è un modulo batteria tra gli assi che contiene circa 120 kWh di energia nel concetto grandsphere. 

Insieme alle grandi ruote, questo produce proporzioni di base perfette non solo dal punto di vista del design. 

I principali vantaggi includono interni lunghi e quindi spazio per le gambe in entrambe le file di sedili. Inoltre, l’assenza di una copertura del cambio e di un tunnel cardanico aumenta il comfort spaziale nelle auto elettriche.

Tuttavia, l’Audi grandsphere non rinuncia al sistema di trazione quattro, essenziale per il marchio. Questo perché la concept car ha motori elettrici separati montati sugli assi anteriore e posteriore che utilizzano il coordinamento elettronico per fornire la trazione integrale su richiesta ed eseguire un perfetto equilibrio tra dinamica di guida ed efficienza energetica. I due motori elettrici del concept Audi grandsphere sono in grado di erogare una potenza totale di 530 kW e una coppia di 960 Newtonmetri.

Ricarica rapida, autonomia elevata

Il cuore del sistema di azionamento è la tecnologia di ricarica a 800 volt. 

Come l’Audi e-tron GT prima, questa tecnologia assicura che la batteria possa essere caricata fino a 270 kW in un tempo molto breve nelle stazioni di ricarica rapida.

Questa strategia rende possibili tempi di ricarica che si avvicinano a una sosta di rifornimento per un’auto con un motore convenzionale. Solo dieci minuti sono sufficienti per caricare la batteria a un livello sufficiente per alimentare l’auto per più di 300 chilometri. In meno di 25 minuti, puoi caricare la batteria da 120 kWh dal 5 all’80%.

Insieme a un’autonomia di oltre 750 chilometri, a seconda del sistema di guida selezionato e della potenza – il concept Audi grandsphere è incondizionatamente adatto per lunghe distanze. 

Inoltre, la sua autonomia e velocità di ricarica sono al passo con quelle dei motori a combustione, rendendola l’auto universale perfetta per le esigenze quotidiane.

In termini di qualità dinamiche, il concept Audi grandsphere, come è tipico per un’auto elettrica, supera davvero i suoi rivali con i motori a combustione. 

Grazie all’elevata coppia disponibile fin dal primo giro, l’accelerazione da 0-100 km/h impiega poco più di quattro secondi.

Continua a segure le novità Audi Seguici su https://www.facebook.com/AudiGrandPrix

Pubblicato il Lascia un commento

AUTO DEL MESE

auto del mese

L’AUTO DEL MESE GRAND PRIX

IONIQ 5 è pronta a rivoluzionare il concetto di auto elettrica, per questo, è stata scelta da noi di Grand Prix come “AUTO DEL MESE“.

IONIQ 5 nasce per portarti nel futuro con uno stile esclusivo, design innovativo e tempi di ricarica più rapidi.

La nuova piattaforma E-GMP sviluppata da Hyundai per i veicoli 100% elettrici, ha dato l’opportunità di ripensare gli interni creando un’esperienza completamente nuova in una vettura.

L’abitacolo, infatti, è molto più spazioso e grande.

Questa sensazione di spazio viene amplificata dal fatto che l’assenza della consolle classica tra i sedili, lascia libera un’ampia zona sotto la plancia: tutto per offrire un’esperienza straordinaria.

Per gli interni di IONIQ5, sono stati utilizzati, molti materiali eco-compatibili, come eco-pelle e tessuti riciclati.

Inoltre, nel rivestimento del padiglione interno, nei tappetini e nei rivestimenti dei sedili si trovano materie prime estratte della canna da zucchero.

Una soluzione riciclabile ed anche elegante.

L’avanzata tecnologia smart tech di Hyundai, IONIQ 5 ti offre un’autonomia fino a 481 km, ed una ricarica ultra veloce che permette di passare dal 10% di autonomia all’80% in soli 18 minuti.

Hyundai, con Ioniq5, apre le porte di una nuova era della guida sostenibile, basata su comfort e prestazioni.

La casa Coreana, utilizza nuove tecnologie e rivoluziona totalmente il look dall’auto che assume un carattere più Iconico, Puro.

All’interno di IONIQ5, i confini tra spazio abitativo e movimento vengono superati.


Fatti travolgere dalla bellezza e l’innovazione dell’elettrificazione Hyundai, scopri Ioniq5.

Visita la nostra offerta per saperne di più: https://www.grandprix.it/nuova-hyundai-ioniq5/